News

Meno connessi, ma più innovativi

A volte anche l'innovazione ha bisogno di tornare alle origini. Qual è il settore che, in Italia, fa registrare una crescita del 3,8%? È l'agricoltura. Richiamo della natura, o business dei prodotti bio e genuini, la terra chiama e la risposta viene da giovani startupper laureati che coltivano più con il tablet che con la zappa, facilitati anche dagli incentivi messi a disposizione dal Governo. Affari interessanti che raccontiamo in questo dettagliatissimo articolo.

La voglia di evadere potrebbe essere data anche dalla situazione di iperconnessione del nostro secolo tecnologico. Abbiamo salutato con favore lo smart working, ma vogliamo parlare anche dei rischi di esaurimento nervoso (burnout in termini tecnici) provocati da un lavoro senza orari. C'è infatti chi vieta categoricamente mail e telefonate dopo gli orari di lavoro (ne parliamo qui) e chi sottolinea come le interazioni anche casuali e spontanee tra le persone siano un motore continuo di innovazione. Abbiamo voluto approfondire.

Così come merita approfondimento la piattaforma legislativa 2.0 (un forum partecipato dagli utenti della rete) che vuole regolamentare l'economia della condivisione. Chiamato "Sharing Economy Act", il provvedimento regolamenterà i lavori (e i redditi) dai vari BlaBlaCar, Uber e AirBnB. Proposte interessanti e certamente innovative, che speriamo possano catturare, senza snaturare, i cambiamenti del mondo del lavoro.

E il mondo del lavoro non si ferma. Parliamo di software che riescono a scrivere romanzi (li abbiamo messi all'opera, guardate qui), di modelli di business per far soldi senza creare valore aggiunto, lavori senza lavoratori e imprese dove il benessere è alla base del rapporto di lavoro.

E se vi siete persi gli aggiornamenti sulle nuove procedure online per i certificati di malattia professionale o infortunio, ve li riproponiamo qui.